Social Tools: i migliori strumenti per il social media marketing

La ricerca dei social tools è, oggi, una componente principale del lavoro di ogni Instagramer, di ogni creatore di contenuti e di ogni Social Media Manager che si approccia ad Instagram con una strategia strutturata.

Utilissimi soprattutto per le fasi di monitoraggio social media e lo sviluppo di una crescita organica basata su dati concreti, gli strumenti per il social media marketing diventano assi nella manica di chi vuole capire a fondo l’atteggiamento dei profili e della loro audience, in modo da verticalizzare e massimizzare i risultati ottenuti sulla base dei numeri che ci mettono a disposizione.

Ok, ti chiedo scusa. Ho fatto un’intro troppo tecnica, me ne rendo conto, ma serve per comunicare che ciò di cui sto per parlarti può davvero cambiare le carte in tavola quando si parla di strategie e di risultati ottenuti su Instagram.

Lascia che mi presenti, mi chiamo Francesco, sono un blogger full-time, malato di Instagram, co-fondatore del sito di viaggi positivitrip.com nonché strategist e social media manager che ogni giorno si arrovella per trovare i migliori social tools che aiutino a raggiungere risultati sempre migliori.

Ci trovi su instagram come @positivitrip

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Positivitrip 🛫💑 (@positivitrip) in data:

In questo articolo ti parlerò di una serie di strumenti per il social media marketing che, suddivisi per categorie e tipologie, andremo ad approfondire nei futuri articoli, nei quali condividerò con te alcuni trick&tips per utilizzarli al meglio.

Comincio subito, quindi, con spiegarti di che tools sto parlando e di come questi possano aoiutarci nello sviluppo della nostra strategia di marketing!

Social tools instagram
Quali sono i migliori social tools?

Social Tools: i migliori strumenti per il Social Media Marketing

Creare una strategia per Instagram è già un processo che di per sé impiega parecchio tempo, ecco perché, se utilizziamo i giusti social tools, il nostro sforzo si riduce drasticamente insieme al tempo che dedicheremo alla stesura dei contenuti editoriali.

La rete è piena di strumenti per il social media marketing, ma spesso si ha difficoltà a capire quale fa al caso nostro; ecco perché con l’elenco che ti propongo potrai farti una cultura su quelli più diffusi e orientarti verso essi con la consapevolezza del loro potenziale.

In questo articolo mi riferisco principalmente ai tools che ruotano attorno ad Instagram, al fine di concentrare l’attenzione su ciò che ci può aiutare oggi a far crescere dei profili in maniera organica e strategica.

Se volessi catalogare i social tools di cui andrò a parlare, potrei raggrupparli sostanzialmente in cinque categorie:

  • Analisi approfondita dei profili, engagement rate, hashtag ed orari più performanti, deep insight
  • Ricerca e monitoraggio della performance di topic e hashtag
  • Pianificazione e pubblicazione dei contenuti
  • Editing aggiuntivo da accorpare ad una strategia
  • Strumenti utili

Entro subito nel dettaglio… ecco quali sono i migliori strumenti per il social media marketing!

Gruppo 1 – Analisi dei profili

All’inizio di ogni strategia c’è sempre un’approfondita analisi del profilo in questione, in modo da capire, in maniera dettagliata e precisa, che tipo di attività ha svolto fino ad ora, dove performa meglio, gli orari in cui i followers sono più attivi e tutta quella serie di dati che possono aiutarci a capire l’entità dell’account che stiamo trattando, e di conseguenza dove lo si può migliorare.

In questa fase ci vengono in aiuto i seguenti social tool:

  • Ninjalitics (ovviamente), utile a capire l’ER del profilo, la media di like e commenti da tenere come base di partenza per una potenziale crescita. E come già sai è GRATUITO!
  • Union Metrics, tool di analisi approfondita, orari più performanti, performance degli hashtag, atteggiamento dell’audience, tassi di conversione e altro, schematizzati in un report automaticamente generato (scaricabile in pdf). Primo report gratuito, prezzo mensile a partire da $49/mese;
  • Socialbakers, tool super completo per l’analisi approfondita dell’andamento degli account e dei tassi di conversione; a pagamento ahimè, e pure carissimo, studiato per le aziende. A partire da €170/mese;
  • TrueSocialMetrics, ottimo tool d’analisi estremamente specifico e tecnico, fornisce dati sulle KPI (indicatori di performance) più importanti per la nicchia di riferimento. A pagamento, a partire da $30/mese;
  • Iconosquare, con i suoi dati approfonditi di attività dell’account e dell’engagement saprà fornirti i dati necessari. A pagamento, a partire da €29/mese;

Nessun tool gratuito?  Certo che si, oltre a Ninjalitics dai un’occhiata a:

  • Squarelovin, analisi gratuita del profilo (l’ho trovato un pò spartano ma fornisce una serie di dati storici che potrebbero aiutare a capire l’andamento di un account nel tempo)
  • Pixlee, tool super completo (normalmente a pagamento per le funzioni avanzate) che mette a disposizione un report settimanale del tuo profilo a costo zero!
ninjalitics analisi instagram
Analizza la crescita con Ninjalitics

Gruppo 2 – Ricerca e monitoraggio

Quando stai cercando di stabilire una strategia che funzioni per un profilo che segui, che sia tuo o di terzi, ti torna utile guardarti intorno per comprendere bene i topic in cui il contenuto che proponi andrà ad inserirsi, e di conseguenza gli hashtag più adatti ad esso.

In questo infatti ti vengono in aiuto i seguenti social tools:

  • Google Trend, qualora tu volessi adottare una strategia che scia sull’onda del trend del momento, attraverso questo tool potrai capire di cosa si parla maggiormente e dove, grazie alla sua segmentazione geografica;
  • Google Alert, il suo braccio destro, ti comunicherà con una notifica quando ci saranno aggiornamenti sui temi di tuo interesse, gli ultimi post pubblicati e simili, al fine di monitorare l’andamento delle ricerche;
  • Keywordtool.io, utilissimo tool per andare a scovare i temi più ricercati dagli utenti (hashtags); nel piano gratuito mostra solo le prime parole chiave. A pagamento $69/mese;
  • KeyHole, tool specifico di analisi sulle performance degli hashtag, super caro purtroppo, a partire da 179€/mese.

Gruppo 3 – Scheduling e gestione dei profili

Quando si parla della gestione dei profili e della programmazione anticipata, ci sono davvero moltissimi social tools a disposizione, per cui vediamo di analizzare i più affidabili e utili.

  • Later, il più completo e abbordabile, con un layout estremamente semplificato, ti permette di visualizzare un’anteprima del tuo feed con la possibilità di riposizionare la pubblicazione dei post drag-and-drop, programmare foto e storie, analisi dell’andamento del profilo, accorpamento di link personalizzati nei post contenenti prodotti. Nel piano gratuito concede fino a 30 post per profilo, piani avanzati a partire da €19/mese con fino a 3 profili. Consente la pubblicazione di foto, caroselli e video;
  • SproutSocial, pianifica i contenuti, monitora e analizza creando un report automatico. A pagamento, $99/mese fino a 5 profili, utile se gestisci più piattaforme allo stesso tempo;
  • Crowdfire, utilissimo e gratuito nel piano base per ottenere l’analisi del proprio profilo oltre che per programmare la pubblicazione delle foto e dei video. Nel piano gratuito concede fino a 10 post per profilo, piani a pagamento a partire da $10 al mese fino a 2 profili;
  • HootSuite, ottimo strumento di programmazione, utile se si gestiscono più piattaforme allo stesso tempo, monitora, analizza le performance, fornisce suggerimenti e mini formazione per report più professionali. A pagamento, a partire da €25 per 10 profili;
  • Buffer, alternativa al precedente citato, nel piano gratuito include fino a 10 post per profilo, piani a pagamento a partire da $15/mese fino a 8 profili inclusi;
  • SkedSocial, validissimo per una programmazione strutturata, piani a pagamento a partire da $25/mese con foto, video e storie incluse (auto-posting disponibile)*, analisi integrata dell’andamento dei profili, preview del feed drag-and-drop, integrazione link in bio;
  • Onlypult, anche questo un ottimo tool per lo programmazione di foto e storie, scelto da molti manager. Piani a pagamento a partire da $10/mese con fino a 3 account da gestire, analytics inclusi*;
  • Postpickr, fornisce addirittura 30 giorni di trial gratuito su tutti i piani, offrendo un layout semplice ed intuitivo per la programmazione dei tuoi post. Nel piano gratuito prevede fino a 3 account, piani a pagamento a partire da €10 al mese per gestire fino a 12 canali social. Consente la pubblicazione di foto, caroselli e video;
  • Gramto, (nato inizialmente come bot) prevede un layout estremamente intuitivo e semplice da usare, con upload da cloud, che si tramuta nella possibilità di caricare i contenuti attraverso un semplice link, utile nel caso di gestione di profili repost o che utilizzano principalmente UGC per la propria strategia editoriale. Consente la pubblicazione di foto, caroselli e video, anche di storie, per le quali è disponibile l’auto-posting* (solo in formato immagine, non disponibile nei video);

*Attenzione, dato che Instagram non ha mai concesso ufficialmente le autorizzazioni per l’auto-posting delle storie, i tools che lo prevedono potrebbero fare uso di API non ufficiali, il che potrebbe implicare penalizzazioni da parte di Instagram stessa; non è certificato e non se ne ha la certezza, ma è bene specificare.

Noterai che quasi tutti i tools citati danno un periodo di prova gratuito, in genere di 7 giorni, che ti darà la possibilità di provare le varie piattaforme e comprendere quale fra queste sia quella che fa più al caso tuo.

programma later
Il pannello drag e drop di Later

Gruppo 4 – Editing foto/video

Qui di seguito una sfilza di app che potresti utilizzare per personalizzare i contenuti che pubblichi aggiungendo scritte, gif, cornici e foto sovrapposte, più foto o più video contemporaneamente, animazioni di testo e modifiche standard.

Per le foto:

  • Snapseed
  • Vsco
  • Lightroom

Per le stories:

  • Storymaker
  • Storylab
  • Unfold
  • StoryArt
  • Hypetext (testi animati)
  • Instories.app

Per i video:

  • Inshot
  • Vidholic
  • Storysplitter (dividi in segmenti da 15 secondi il tuo video, utile per alcuni modelli android dove ancora la funzione integrata di split di Instagram causa un ritardo nella voce)
  • Movavi clips

Gruppo 5 – Utilità

La nostra lista non è ancora finita! Ecco alcune utility che potrebbero ulteriormente aiutarti nel perfezionamento della strategia e del monitoraggio social media. Quali sono?

  • Bitly, personalizza, accorcia e soprattutto traccia i link che crei, in modo da darti una statistica su quanti click genera una strategia verso uno specifico link (utile a tracciare la conversione di prodotti, link in bio e simili);
  • Triberr, controlla in pochi click se il tuo account ha subito shadowban;
  • Flume, nato come bot Telegram (niente paura, nulla a che vedere con i bot per Instagram), ti consente di verificare in pochi tocchi se gli hashtag che pensi di utilizzare sono soggetti a shadowban. Ti basterà creare una chat con Flume su Telegram, scrivere il tuo hashtag e ottenere risposta praticamente subito!

In ogni caso, per la ricerca e la selezione degli hashtag da usare puoi leggere l’articolo dedicato a come scegliere i migliori hashtag per Instagram!

Che dire dei bot per Instagram?

Avrai notato che in mezzo a tutti questi social tools, strumenti per il social media marketing e il monitoraggio social media, non ho fatto accenno all’utilizzo di Bot per Instagram, né come ausilio alla crescita, né come strumento per il Social Media Manager che si occupa dell’affiancamento di un profilo.

Questo perché noi di Ninjalitics abbiamo una politica molto chiara in merito, che prevede il promuovere la crescita organica e botfree.

Molti sostengono che i bot possono aiutare nella crescita di un profilo, e ci promettiamo di riparlarne in maniera approfondita in un prossimo articolo. Nel frattempo ci piacerebbe sapere la tua opinione, facci sapere che ne pensi nei commenti!

Bot si o bot no?

I migliori strumenti per il social media marketing a tua disposizione

Spero che questo articolo con i migliori e più diffusi social tools ti sia tornato utile, il web a volte può essere una giungla e magari avere un’idea di quello che puoi trovare ti aiuta a risparmiare tempo ed energie.

Conosci altri tools che non ho menzionato? Condividili nei commenti, così che possano essere utili alla community!

Se hai apprezzato questo post, condividilo, fallo scoprire anche ad un tuo amico o ad una persona che può avere un beneficio da queste informazioni, ti ringrazierà!

Ci vediamo al prossimo articolo, buon Insta! 😃

Co-fondatore di Ninjalitics. Biondo, occhi azzurri, 1.75

Leave a reply:

Your email address will not be published.