4 cose che ancora non stai facendo su Instagram

Nello scorso articolo abbiamo parlato di strategia applicata al tuo account Instagram:

piano editoriale, contenuti, networking e tutto ciò che serve per posizionare al meglio il proprio account sulla piattaforma.

Facile a dirsi, difficile a farsi… Vero?

Infatti una delle domande che mi viene fatta più spesso è:

Domenico, ho difficoltà a creare una strategia: come sfrutto al massimo i miei contenuti, e gli strumenti che Instagram mi mette a disposizione?

Questa domanda non è affatto stupida, anzi è ottima! E questo articolo è fatto proprio apposta per dare una risposta…

Premessa

Prima di iniziare, ci tengo a precisare che non esistono strategie “pronte all’uso” che vadano bene per tutti i profili.

Ogni brand, influencer o attività, deve sforzarsi di analizzare il proprio target, il proprio mercato e creare di conseguenza una strategia che consenta raggiungere gli obiettivi aziendali prefissati.

Detto questo, oggi voglio aiutarti a sfruttare meglio tutte le funzioni che Instagram ti mette a disposizione, così da darti degli spunti per la tua strategia!

1. Come sfruttare a pieno le stories?

Le Instagram Stories sono una funzione potentissima messa a disposizione dal buon Mark, principalmente per tre motivi:

  • Mettono il Brand/Personal Brand al livello della persona che lo seguono: con le stories puoi mostrare la tua faccia quotidianamente, la tua vita privata, essere empatico con la tua audience ecc.
  • Permettono una comunicazione veloce e diretta con la tua audience, senza infastidirla o risultare stressante
  • Si consumano con grande facilità

Ciò che vedo quando guardo le stories di brand e influencers è più o meno questo: contenuti singoli, completamente sconnessi l’uno dall’altro, senza un filo logico che li colleghi.

Sbagliatissimo!

Il primo modo per sfruttare il potenziale di questo strumento ed aumentare la percentuale di completamento sui tuoi contenuti, è quello di creare dei mini-funnel di storie.

Mi spiego meglio.

La definizione di “funnel” è: un modello che descrive i diversi step che l’utente compie a partire dalla prima interazione con un brand fino ad arrivare all’obiettivo finale: la conversione.

funnel

Ecco, se ci pensi sulle stories puoi applicare la stessa identica cosa.

Con la prima storia crei consapevolezza nei tuoi followers, con la seconda e la terza generi interesse, con la quarta e la quinta crei “decisione“… E con l’ultima storia li spingi all’azione!

Non importa se ti serve più di una storia per ogni passaggio… l’importante e seguirli tutti in ordine!

Avrai capito che parlando di stories, la conversione non deve essere per forza una vendita. Puoi semplicemente spingere i tuoi followers a rispondere ad uno sticker, prendere posizione in un sondaggio o a taggarti nelle sue stories!

Quindi se vuoi creare delle stories di qualità, assicurati di creare per ogni tema un mini-funnel, seguendo questo piccolo schema:

  1. Fatti notare
  2. Genera interesse
  3. Influenza l’audience
  4. Spingili a compiere un’azione

Seguire un percorso del genere ha un duplice beneficio:

  1. le persone che entrano “live” nel tuo funnel, sono molto più propense ad interagire con la tua CTA.
  2. Quelli che vedranno tutte le tue storie a fine giornata, non rimarranno confusi da 20 stories non collegate fra loro, ma avranno davanti 2 o 3 blocchi da 5 stories l’uno, ordinati e che abbiano un senso!

E se hai problemi a trovare idee per le tue storie in questo articolo ti ho parlato delle migliori app per creare stories direttamente dal tuo smartphone, dando loro un aspetto creativo e professionale!

A questo punto hai una strategia e sai come utilizzare le storie al meglio… ma come fai a sapere se stai facendo bene oppure no?

Controlli solo ciò che misuri

Nella versione Business di Ninjalitics c’è una sezione dedicata interamente all’analisi delle tue storie, che ti permette di capire se il tuo funnel funziona oppure no.

Grafico Stories Funnel su Ninjalitics Business

Inoltre ti sarà molto utile per sapere qual è il tuo open rate, ovvero la percentuale dei tuoi follower che ogni giorno iniziano a guardare le tue storie.
Ma ancora più importante conoscerai la tua percentuale di completamento, ovvero qual è la percentuale di persone che guardano tutte le tue storie dall’inizio alla fine. Questo dato è molto importante per capire se il tuo funnel e il tuo modo di comunicare sono stati efficaci e hanno mantenuto l’attenzione dell’utente fino al momento in cui hai lanciato la tua Call To Action

La cosa figa è puoi già avere un assaggio di questi dati anche nella sua versione gratuita oppure fare la free trial per attivare tutte le sue fuzioni!

2. Come usare Quiz e Sondaggi?

Ora che sai come creare delle stories efficaci, passiamo alle funzioni che Instagram ci mette a disposizione: stickerssondaggi!

Gli utilizzi possono essere tantissimi: chiedere opinioni con i sondaggi, mettere alla prova con i quiz, riunire persone interessate allo stesso tema con lo sticker partecipa alla chat ecc.

Qui è dove potrai dare sfogo alla tua creatività!

Facciamo un esempio:

Sticker “Emoticons”

Parliamo dello sticker “Emoticons”: quante volte proponi un sondaggio ai tuoi follower? Ovviamente con lo sticker “Sondaggio”, vero?

E se volessimo dare più di due opzioni ai nostri follower?

Beh, esiste un modo più creativo per aumentare le reazioni alle proprie stories, facendo domande ai propri utenti: con lo sticker “Emoticons”!

Come fare? Semplice, posiziona lo sticker in orizzontale o verticale, e piazza tre risposte in fila.

instagram tip

Gli utenti potranno rispondere muovendo lo Sticker sulla barra, avendo a disposizione un numero maggiore di risposte rispetto al classico sondaggio!

Inoltre, potresti ricevere della visibilità extra.

Questo perché Instagram apprezza le interazioni più “faticose” degli utenti.

Quindi l’algoritmo potrebbe dare più visibilità ad una storia in cui 50 persone utilizzano questo sticker, rispetto a 50 persone che votano tramite sondaggio!

Un altro modo per aumentare la retention (e quindi la visibilità) delle tue stories, è quello di spingere le persone a navigare fra esse senza “skippare” all’account successivo

Come?

Facile! In una sequenza di storie, crea interesse e hype con i primi due contenuti.

Nella terza story metti una foto quanto più in target con la tua nicchia e audience (in questo caso una pagina cartoon).

Nella quarta storia fai una domanda relativa al post precedente (possibilmente una domanda specifica), e posiziona una gif che spinga le persone a tornare alla storia precedente!

In questo modo, le persone passeranno più tempo sulle tue storie e Instagram le valuterà come interessanti, mostrandole a più persone!

3. Lista “amici più stretti”

Dì la verità: non l’hai mai usata, e non conosci più di 3 persone che la usano con regolarità.

Eppure è uno strumento potentissimo, per:

  • Fidelizzare una parte della tua audience facendo lead nurturing attraverso la lista
  • Creare una “stanza” esclusiva all’interno del tuo account Instagram, in cui condividere contenuti privati/di valore riguardo il tuo brand.
  • Fare lead generation

Esatto, hai capito bene!

Pensaci: Instagram ti da la possibilità di segmentare i tuoi followers: attivi e meno attivi, interessati ad un determinato argomento oppure no, e così via.

Come puoi sfruttare tutto questo per raccogliere contatti?

Te lo spiego subito.

Comincia a creare delle stories dove chiedi alle persone se vogliono essere aggiunte alla tua “close friends list” in cambio di un incentivo, e portali a compiere un’azione.

Nel frattempo crea un lead magnet e costruisci un semplice bot messenger con ManyChat.

Una volta popolata la lista a dovere, potrai chiedere alle persone al suo interno di fare swipe-up per ricevere il “regalo” e… Eccoli che finiscono nel tuo bot!

E in un attimo hai trasformato dei semplici followers in dei leads caldi, interessati al servizio/prodotto che offri!

4. IGTV

IGTV è la TV ufficiale di Instagram, nata per contrastare il potere di YouTube.

Il lancio è stato un vero e proprio flop, per diverse ragioni che non starò qui a spiegare.

In pochissimi stanno sfruttando IGTV, perché proprio non ne comprendono il potenziale.

Vediamo invece perché dovresti usarla:

  • In pochi la utilizzano, quindi “meno competizione, più visibilità per te!”
  • E’ un ottimo canale per diversificare i contenuti che proponi
  • Instagram ti premia se utilizzi la sua TV!

Ma come sfruttare a pieno questo canale?

Pensaci bene: è una piattaforma che ti permette di caricare video più lunghi rispetto al feed e alle storie. Puoi caricarli anche in orizzontale, quindi non devi più creare contenuti apposta per questa piattaforma.

Quindi: perché non sfruttare queste caratteristiche per approfondire qualche aspetto specifico del tuo account?

Ti faccio un esempio:

  • Fotografo: crea un mini-corso gratuito su come scegliere i migliori accessori per la tua reflex, e caricalo su IGTV diviso per episodi
  • Chef: mostra la preparazione integrale di un piatto particolare. Dolcetti di Halloween intorno al 31 ottobre, pandoro fatto in casa durante le feste di Natale ecc.
  • Sportivo: riprendi integralmente i tuoi allenamenti, i pre-gara o semplicemente la gara stessa vista da un’altra prospettiva. Rendi la tua vita una serie TV per i tuoi followers

Queste sono solo alcune idee, che hanno l’obiettivo di mostrarti quanto Instagram TV possa far bene al tuo account.

Non sottovalutare la sua presenza nella tua strategia!

Conclusioni

Bene, per oggi abbiamo finito!

Spero di averti dato degli spunti per buttare giù su carta la tua strategia definitiva.

Se ti viene in mente qualche altro modo di utilizzare uno di questi 4 strumenti, scrivilo nei commenti!

 

22 anni, gli ultimi 4 passati davanti allo schermo del cellulare... Esatto, su Instagram! Adesso aiuto aziende e privati ad aumentare la propria visibilità su Instagram attraverso strategie di crescita organiche basate sul content marketing, influencer marketing e tanto altro. Ah, quando non sono al cellulare sono in palestra!

1 comments On 4 cose che ancora non stai facendo su Instagram

Leave a reply:

Your email address will not be published.