Come capire se un profilo compra like?

Quando hai il sospetto che un profilo compra like la conversazione tra te e te di solito è questa:

“Ammazza quanti like che ha questa foto!”
“Ma com’è possibile? La foto è pure brutta… la facevo meglio io ad occhi chiusi!”
“Mi sa che li compra”

Sicuramente ti sarà capitato più volte di vedere un post e rimanere di stucco guardando il numero di like.

E scommetto che più di una volta ti sei domandato se quella persona li comprasse o meno.

È possibile capire se un profilo compra like?

compra like su instagram
Se ti stai chiedendo se ci sono dei trucchetti che possiamo utilizzare per sgamare queste pratiche poco legittime, la risposta è: DIPENDE!

Dipende perché vi sono diverse metodologie per verificarlo. E sono comunque tutte SUPPOSIZIONI che non ci danno comunque la certezza matematica della cosa.

Dall’esterno possiamo solamente farci un’idea della situazione, senza purtroppo averne la certezza.

I 5 casi sospetti

Questi sono alcuni casi sospetti che dovrebbero attirare la nostra attenzione per andare ad indagare se un profilo compra like o meno:

come capire se un profilo compra like su instagram

1) NUMERO DI LIKE TROPPO ALTO RISPETTO AI COMMENTI

2) POST CON MOLTI LIKE E ZERO COMMENTI

3) NUMERO DI LIKE SUPERIORE AL NUMERO DI FOLLOWER (non valido in caso di Viral Reposting)

4) NUMERO DI LIKE SUPERIORI ALLE VISUALIZZAZIONI DI UN VIDEO

5) NUMERO DI LIKE COSTANTE PER TUTTI I POST, ANCHE NEI VIDEO.

Indicativamente queste sono le situazioni in cui il campanello d’allarme dovrebbe attivarsi subito, ma è anche possibile che un profilo compra like pur mostrando “apparentemente” una situazione normale.

4 Metodi per capire se un profilo compra like!

1. Qualità dei like
qualità interazioni instagram

Partiamo in maniera semplice:

Prendiamo un campione di 4 o 5 post ed analizziamo i like presenti sul post.
Ne scorriamo la lista e vediamo se troviamo qualcosa di sospetto, come:
  • profili fuori target (es: arabi o indiani su post di profili europei o italiani)
  • Profili senza foto profilo, senza una bio, alto numero di following, pochi follower, zero post o pochi post pubblicati tutti insieme (alta probabilità che siano fake)
Questi sono esempi di profili che possono essere creati in massa solo per generare like.
2. Like nel tempo

like nel tempo

Un altro test che amo fare è il seguente.

Se hai sospetti su un profilo, ti consiglio di attivare le notifiche ai suoi post ed analizzare la situazione like appena posta.

In questo modo puoi notare se arrivano dei like ogni tot secondi o minuti (quindi in maniera organica) facendo sempre il refresh del post.
Se noti che arrivano manciate di like all’improvviso allora la cosa può essere sospetta.

Ti faccio un esempio.

Se il post in questione passa dai 20 like ad 520 like in pochi secondi, è probabile che siano stati acquistati da Panel.

Se invece il post guadagna like costantemente allora può essere considerata una cosa normale.

MA…

Proseguendo sempre per questa strada, analizziamo il comportamento del post in questione anche a distanza di diverse ore…

Continua a prendere like?

Se il post continua a prendere like vuol dire che è in distribuzione, quindi i like sono organici. Solitamente un post organico prende circa un terzo dei like totali nella prima ora. Dopo di che la frequenza diminuisce ma continua a ricevere like in numero minore.

Se il post non prende più like a distanza di poche ore, allora è un altro campanello d’allarme.
Questo perché il post ha una trazione di 1 od anche 2 giorni.
Però… c’è sempre un però.
3. Like comprati in maniera graduale
Lo sapevi che esistono dei servizi che rilasciano like gradualmente?

Quindi questo rende impossibile eseguire il test sopra descritto?

In parte sì, è vero. Soluzione?
Analizza i like come indicato all’inizio di questo articolo, cerca profili sospetti e controlla se il post continua ad avere una “trazione”, quindi se continua a ricevere like.
Di solito questi servizi mandano like costanti, ma nel giro di qualche ora comunque terminano la loro corsa.

4. Analizza i dati business

ninjalitics business

Ti ricordo che i migliori indicatori restano comunque gli insight di un profilo e di un post in particolare.

Se noti casi sospetti (all’interno degli insight di un post) quali:
  • Troppi like e poche impression (i fake like non generano impression, a meno che non si acquisti appunto un servizio che generi LIKE + IMPRESSION)
  • Troppi like e poche visite al profilo
  • Like superiori alle impression

Allora sai già con alta probabilità che sei di fronte ad un caso sospetto.

Se impari ad analizzare bene un profilo partendo appunto dai like, poi dai commenti, passando poi agli insight grazie a Ninjalitics Business, allora automaticamente il tuo occhio si affinerà e ti risulterà molto più facile sgamare chi è solito acquistare like e NON SOLO.
Ricorda: prima di firmare una collaborazione con un influencer, analizza sempre i suoi dati business!
Su Ninjalitics business esiste una funzione apposta per questo:
Se questo articolo era interessante, ho altri trucchetti da raccontarti, clicca qui: come sgamare un fake influencer?

30 anni, portati bene, testo cose su Instagram da quasi 2 anni e spesso condivido qualche articolo. Aiuto gli E-Commerce ad ottimizzare ed incrementare le proprie vendite su Instagram mediante campagne di Influencer Marketing ed aiuto i Brand a selezionare i migliori Influencer basandomi su dati reali e tracciabili, ottimizzandone i costi. I miei compagni d'avventura? Macbook e smartphone!

Leave a reply:

Your email address will not be published.